Archivi categoria: Accessories

Gioie da indossare

purplejewels

Cari Amici di Purple!

A tutti voi che avete avuto modo di conoscere le mie opere nel mio Studio a Barolo o in giro per il mondo e che mi avete incoraggiato e sostenuto GRAZIE!

Vi scrivo oggi in qualità di creatrice di “gioie” da indossare anch’esse ispirate al mondo del vino: è pronta la nuova collezione autunno-inverno di gioielli ispirati da tappi di sughero, capsule e, novità assoluta, dalle mie opere “wine on paper”, di cui avete un assaggio in allegato!

Non sono Tiffany, quindi non vi invito a fare colazione ma vi aspetto nella mia Casa Studio nel prossimo week end e nei giorni della pausa invernale fino all’Epifania per fare “merenda da Purpleryta” e toccare con mano le mie nuove creazioni, per lo shopping natalizio dell’ultimo minuto, regali per gli altri o per sé!

Accanto ai nuovi gioielli ci saranno ad aspettarvi i nuovi personaggi ispirati a Star Wars dipinti a vino, pronti a risvegliare il piccolo nerd che c’è in voi e le mie “donne spettinate” sempre più spettinate!

Seguitemi su Facebook, su Instagram, se volete anche in tangenziale e avvisatemi se volete venire a trovarmi, vorrei esserci anche io 🙂

Potete prenotare la visita anche scaricando questa app andando poi alla sezione “Around Wine”: https://winearound.com/it/

schermata-2016-12-13-alle-18-52-51

Vi aspetto in Via Vittorio Emanuele 4!

+393397174500

#ilvinounisce

 

Donne Spettinate vanno a Torino

Dal 7 al 27 maggio Rita Barbero, in arte Purpleryta, espone per la prima volta a Torino, in centro, da EnneGi di Nadia Giacometti.

Dopo l’esperienza espositiva nelle Langhe e nel Monferrato, l’artista presenta una nuova collezione di opere dipinte con la tecnica del vino sulla carta dal titolo “Donne spettinate che sanno di Barolo (e di molto altro)”.

“Le donne spettinate sono più interessanti delle donne pettinate e sempre a posto – racconta Purpleryta – perché hanno sempre qualcosa di più importante da fare o di più appassionante. Sono donne che vivono intensamente le emozioni, hanno il senso dell’umorismo e sanno prendersi in giro, sono naturali, dirette, curiose, a volte maleducate e politically scorrect. Sono donne libere, anche se hanno una vita impegnata; amano la leggerezza, anche se sono consapevoli delle proprie responsabilità; giocano, anche se fanno sul serio!”

La seconda parte del titolo della mostra gioca sul doppio significato della parola “sanno”: da una parte spiega che le donne spettinate sanno perché conoscono bene l’ambiente in cui vivono, il mondo del Barolo e tutto quello che vi ruota intorno. E poi sanno perché profumano di Barolo.

Ogni opera è unica e irripetibile: tutto parte dalla macchia che diventa la capigliatura spettinata. Da qui la creatività e l’interpretazione dell’artista completano l’opera che assume forme oniriche dai tratti a volte alieni.

Attraverso l’uso di tecniche e carte diverse Purpleryta scopre e rivela effetti visivi sorprendenti del pigmento che dall’uva passa al vino ponendo così al centro dell’attenzione il primo elemento osservato durante l’analisi sensoriale in fase di degustazione: il colore.

Le teste spettinnate di Purpleryta compariranno fra le borse e gli accessori dello shop EnneGi di Nadia Giacometti, dove nei week end sarà possibile incontrare l’artista. L’inaugurazione sarà l’occasione per brindare insieme a Purpleryta e Nadia sabato 7 Maggio dalle ore 17 alle 20.

PurpleRyta vive e lavora nelle Langhe.  Da due anni ha deciso di seguire la sua innata passione per l’arte e di esprimersi attraverso la pittura e la creazione di gioielli con tappi, capsule, etichette, vere e proprie “creazioni artistiche che danno forma alla vostra felicità”, come recita lo slogan di Purpleryta, tutto rigorosamente a tema vino.

A stretto contatto con il mondo del vino ogni giorno da esso trae ispirazione in un rapporto di interscambio attivo e rigenerazione interiore, applicando due imperativi che da sempre animano la sua passione per l’arte: semplificare la realtà e colorare il mondo. “Possibilmente di viola!”

Sede: ENNEGI di Nadia Giacometti – Via XX Settembre 65 – 10122 Torino

Orari: 10.00 – 20.00  TUTTI I GIORNI

 

#ilvinounisce

La Morra – Un titolo che è già album nel web per la mostra di due artisti che sono amici da sempre: #ilvinounisce vuole raccontare una delle mille occasioni di incontro che grazie al vino si realizzano ogni giorno, nello specifico quella di presentare insieme una raccolta delle loro opere per Purpleryta e Stefano Richaud e di ritrovarla in versione virtuale su Instagram e Facebook.

Dal 16 al 29 Aprile sarà possibile ammirare le “Donne spettinate che sanno di vino” di Ryta Barbero, in arte Purpleryta, opere interamente dipinte con puro vino su carta e raffiguranti le donne del nostro tempo, quelle vere, che preferiscono vivere intensamente piuttosto che passare più tempo del necessario davanti allo specchio. “Sono donne libere, anche se hanno una vita impegnata; amano la leggerezza, anche se sono consapevoli delle proprie responsabilità; giocano, anche se fanno sul serio!” commenta Purpleryta.

 

Purpleryta dipinge con il vino, rispettandone la sua natura: il vino macchia e dalla macchia libera di esprimersi nasce l’ispirazione per l’intera opera. Ancora una volta Purpleryta riesce a raccontare il mondo, spesso complicato con la leggerezza di un tratto di vino.

Accanto alle “spettinate” di Purpleryta le “pettinatissime” di Stefano Richaud, acrilici su tela che portano un “Un po’ di colore” alla Cantina Comunale.

Le icone di ieri e di oggi, rappresentate con l’eleganza del bianco e nero fanno da contrasto al colore di pesaggi, scorci, nature morte e soggetti diversi.

Le intoccabili Julia Roberts, Marilyn Monroe, Monica Bellucci e altre bellezze convivono con nuove creazioni del Richaud ispirate al mondo del vino: studi di etichette per vini ancora inediti, in perfetta coerenza con il tema.

PurpleRyta vive e lavora nelle Langhe.  Da due anni e mezzo ha deciso di seguire la sua innata passione per l’arte e di esprimersi attraverso la pittura e la creazione di gioielli con tappi, capsule, etichette, vere e proprie “creazioni artistiche che danno forma alla vostra felicità” , come recita lo slogan di Purpleryta, tutto rigorosamente a tema vino.

Stefano Richaud, originario di Villar Perosa, vive a Ceresole. Ingegnere con la vocazione per la pittura, si dedica all’arte dal 2010, iniziando ad esplorare le diverse tecniche fino a trovare la sua dimensione in un realismo fotografico dove la precisione del tratto con la complicità del colore creano sulla tela scorci di un reale nuovo.

Un Progetto Speciale – La Porta

1 idea, 2 aiutanti, tanta pazienza e 90 ore di lavoro, 5 tubi di colla speciale, 200 tappi suddivisi in 1000 rondelle organizzati per colore e diametro, riuniti in oltre 2 metri quadrati: è la nuova opera di Purpleryta che decora la porta della Vite Turchese, da un disegno inedito.

Petit Garçon all'opera

Petit Garçon all’opera

 20150613_184651

 

Stefano Turchese e Purpleryta
Stefano Turchese e Purpleryta

20150910_204829

La firma
La firma

Il disegno originale!

Il disegno originale!

Nonni spettinati rapiscono Spiderman e tentano di pettinarlo

Succede a Cherasco. Una coppia di nonni in visita alla mostra di Purpleryta si aggira sospetta tra le opere d’arte dipinte col vino, si congratula con l’artista soprattutto per l’opera intitolata “La Briccolina” raffigurante in modo quasi allegorico le Langhe e per la quale è stato utilizzato proprio il Barolo Briccolina.

La Briccolina - Barolo on paper
La Briccolina – Barolo on paper

Tra una spettinata e l’altra i due notano alcuni supereroi, spettinati anche loro, che scalpitano per entrare in azione. Vince Spiderman, che i  nonni portano a casa per l’altrettanto spettinato nipote. Alla nipotina più pettinata va una collana della “corky collection” con cork elements.

Spiderman spettinato!
Spiderman spettinato!

Grazie Paola e Sergio!

Sergio e Paola

PS: tranquilli, nessuno è stato pettinato in questa storia!

Donne spettinate che sanno di Barolo (e di molto altro)

Dal 10 aprile al 3 maggio Rita Barbero, in arte Purpleryta, espone all’Enoteca Palazzo Mentone di Cherasco.

Dopo l’esperienza alla Cantina Comunale di La Morra con  “Wine on Paper – Vino su Carta”, l’artista presenta una nuova collezione di opere dipinte con la tecnica del vino sulla carta dal titolo “Donne spettinate che sanno di Barolo (e di molto altro)”.

“Le donne spettinate sono più interessanti delle donne pettinate e sempre a posto – racconta Purpleryta – perché hanno sempre qualcosa di più importante da fare o di più appassionante. Sono donne che vivono intensamente le emozioni, hanno il senso dell’umorismo e sanno prendersi in giro, sono naturali, dirette, curiose, a volte maleducate e politically scorrect.”

La seconda parte del titolo della mostra gioca sul doppio significato della parola “sanno”: da una parte spiega che le donne spettinate sanno perché conoscono bene l’ambiente in cui vivono, il mondo del Barolo e tutto quello che vi ruota intorno. E poi sanno perché profumano di Barolo.

Ogni opera è unica e irripetibile: tutto parte dalla macchia che diventa la capigliatura spettinata. Da qui la creatività e l’interpretazione dell’artista completano l’opera che assume forme oniriche dai tratti a volte alieni.

Attraverso l’uso di tecniche e carte diverse Purpleryta scopre e rivela effetti visivi sorprendenti del pigmento che dall’uva passa al vino ponendo così al centro dell’attenzione il primo elemento osservato durante l’analisi sensoriale in fase di degustazione: il colore.

La mostra si terrà in un luogo dedicato al vino, l’Enoteca di Palazzo Mentone, in cui le donne spettinate si sentiranno a casa e dove nei week end sarà possibile incontrare l’artista e (magari) vederla all’opera. L’inaugurazione sarà l’occasione per brindare  con un calice di Barolo insieme a Purpleryta venerdì 10 aprile dalle ore 18 alle 20.

PurpleRyta vive e lavora nelle Langhe.  Da due anni ha deciso di seguire la sua innata passione per l’arte e di esprimersi attraverso la pittura e la creazione di gioielli con tappi, capsule, etichette, vere e proprie “creazioni artistiche che danno forma alla vostra felicità”, come recita lo slogan di Purpleryta, tutto rigorosamente a tema vino.

A stretto contatto con il mondo del vino ogni giorno da esso trae ispirazione in un rapporto di interscambio attivo e rigenerazione interiore, applicando due imperativi che da sempre animano la sua passione per l’arte: semplificare la realtà e colorare il mondo. “Possibilmente di viola!”

Sede: Enoteca Palazzo Mentone, Via Vittorio Emanuele, 120-Cherasco (CN)

Orari: 9,30-12,30 e 15,30-19,30 , TUTTI I GIORNI, escluso il lunedì.

Com’è piccolo il mondo del vino!

Quanta strada fa un tappo di sughero?

Tanta!

Possono dirlo tutti i tappi che sigillano vini che vengono esportati nel mondo, ma non tutti, una volta fuori dalla bottiglia finiscono il loro viaggio. Qualcuno lo continua…

Questa è la storia di un tappo prodotto da Parramon in Spagna, dove sughero si dice “corcho”,  che ha tappato una bottiglia di Barolo Leon Riserva 2008 Rivetto di Serralunga d’Alba dove i vini sono potenti come “leun” (in piemontese), che Purpleryta ha trasformato in anello che all’Enoteca la Vite Turchese di Barolo qualcuno ha chiesto come “hringur” , che un giorno ha ritrovato il suo primo proprietario nella fredda, ma sorridente, Islanda.

78723f2da101f23bb59c40e3c2c52770

Faccia di tola…

…anzi di Tole!

Il Caso ci ha messo lo zampino e così due progetti che si ispirano al territorio, alle Langhe, al vino e che rasentano l’arte, si sono incontrate …appunto per Caso!

Purpleryta e Tole si sono incontrate e hanno deciso di camminare un po’ insieme, non si sa bene ancora verso quale meta, ma nel frattempo si divertono lungo la strada!

Cos’è Tole? Un’idea. Che si muove. Un progetto che cresce. In cui persone creative ed instancabili vivono il rapporto con il territorio in continuo interscambio.

Con la sua ben nota “faccia da tola” Purpleryta è ora presente con le creazioni, le opere e gli accessori da Samia, il quartier generale di Tole, dove Giovanna e Roberto danno vita ad opere belle e funzionali con l’utilizzo del materiale da cui prende il nome il progetto.

E presto potremo parlare di una “fusione”. Ma non di metalli. Di idee.

IMG_20150123_192705
Foto assolutamente NON autorizzata, presto verrà sostituita con un selfie di Purple-Tole

Collezione Privata a NY City – amici di amici

Tara, fisioterapista e Adam, trainer. Da New York in vacanza nelle Langhe per la prima volta su suggerimento di Jill e Andy cercano Purpleryta. La trovano e visitano la personale alla Cantina di La Morra.

Tara, Adam e Prupleryta
Tara, Adam e Prupleryta

La “ballerina” dipinta col Barolo e truccata con veri trucchi viene scelta per andare nella Grande Mela. Tara ballava il tip tap (come Purpleryta 🙂 e la ballerina che si riposa la colpisce.

Work in progress
Work in progress

La ballerina che ora è a New York ha dato ispirazione alla trilogia “Sesso Droga e Rock&Roll Langa Style”.

Marilyn by Milton H. Greene
Marilyn by Milton H. Greene

L’immagine è una citazione di un famoso scatto di Marilyn Monroe e forse era destino che “tornasse” negli Stati Uniti.